SEO e realizzazione siti web Udine a misura di PMI

menu x
menu x

Come l’uptime del tuo sito influisce sulla tua SEO

  • 24 Gennaio 2022
Laura Musig Siti web Udine » Blog SEO » Come l’uptime del tuo sito influisce sulla tua SEO
Si parla di:
uptime-impatto-seo

L’uptime del tuo sito influisce su molti fattori relativi all’esperienza dell’utente, inclusa la SEO. Se ritieni che l’uptime del sito web non sia importante perché Google non lo considera quando posiziona i siti web, meglio pensarci un attimo.

Google potrebbe non dare alta priorità al tempo di attività del sito Web quando classifica i siti Web, ma ciò non significa che il tuo sito possa rimanere offline per molto tempo senza conseguenze. Capire come i tempi di inattività influiscono sulla SEO è fondamentale per formulare una strategia efficace per mantenere un sito online e migliorare la sua visibilità sui motori di ricerca.

Questo articolo discute i vari fattori che influenzano il modo in cui i tempi di inattività influiscono sul ranking del sito e fornisce suggerimenti su come migliorare il tempo di attività del sito Web e ridurre al minimo gli effetti delle interruzioni del servizio. La cosa triste è che molti webmaster non si rendono conto di quanto sia importante il tempo di attività del sito Web, anche se gestiscono un sito web da anni, e questo porta a molti problemi di tempo di inattività. Ogni mese si vedono siti web andare offline ogni giorno per motivi quali:

  • Sovraccarico del server
  • Attacchi DDoS
  • Software e plug-in obsoleti
  • Problemi di hosting
E l’elenco potrebbe continuare. La linea di fondo è che se non si dispone di un buon strumento di monitoraggio dell’uptime, prima o poi si verificheranno tempi di inattività.

Come il tempo di attività del sito Web influisce sulla SEO

In questo articolo, vedrem come il tempo di attività del sito web influisce sulla SEO del tuo sito. Inoltre, vedremo anche alcuni suggerimenti per aiutarti a mantenere il tuo sito online e migliorarne i tempi di attività. Partiamo con il dire che esistono diversi modi in cui il tempo di attività del sito web influisce sulla SEO.

Scansione e indicizzazione dei motori di ricerca

Uno dei motivi principali per cui il tempo di attività del sito Web è così importante è perché Google considera i tempi di inattività del sito come un segnale di quanto sia prezioso e pertinente il tuo sito web. Google esegue la scansione di milioni di siti web ogni giorno per trovare nuovi contenuti, migliorare l’indicizzazione dei motori di ricerca, trovare collegamenti interrotti, ecc.

Tuttavia, se si dispone di un sito web lento con alti livelli di downtime, è probabile che Google abbia più difficoltà a eseguire la scansione e indicizzazione del tuo sito web. Ciò comporterà un minor numero di pagine indicizzate da Google e il tuo sito probabilmente perderà il suo posizionamento per determinate parole chiave.

Il sito web è inaffidabile

Google e altri motori di ricerca utilizzano una gran varietà di fattori di posizionamento. Uno dei fattori più importanti è la frequenza con cui un sito viene aggiornato con nuovi contenuti. Google ha chiarito che apprezzano i siti che aggiungono costantemente nuove informazioni rispetto a quelli che cambiano raramente o mai. Tuttavia, mentre aggiornare regolarmente i contenuti è importante, non è l’unico fattore che contribuisce a un buon posizionamento. Quando un sito subisce tempi di inattività, invia un segnale al motore di ricerca che il sito è inaffidabile e non dovrebbe essere data la preferenza nei risultati di ricerca.

Esperienza utente scadente

Se il tuo sito web è sempre offline o funziona lentamente, porterà senza dubbio a un’esperienza utente scadente. Questo è qualcosa che Google prende in considerazione quando classifica i siti web. Infatti, Google ha affermato in più occasioni che la velocità del sito web è uno dei fattori che contribuiscono a una buona esperienza utente.

Perdita di guadagni e traffico

Una delle conseguenze più ovvie dei tempi di inattività è la perdita di guadagni. Ciò è particolarmente vero per i siti web di e-commerce e altri siti web che generano una quantità significativa di vendite o traffico online. Più tempo il tuo sito web è offline, più vendite e traffico perderai. Infatti, secondo uno studio quasi la metà degli utenti web abbandonerà un sito che impiega più di 4 secondi per caricarsi.

Ora che sai quanto sia importante il tempo di attività del sito Web per la SEO. Ci sono diverse cose che puoi fare per ridurre al minimo l’impatto delle interruzioni sulla visibilità del motore di ricerca del tuo sito. Ecco alcuni suggerimenti che puoi seguire per migliorare le prestazioni del tuo sito e ridurre le possibilità di downtime:

  • Usa sempre un provider di hosting veloce. Uno dei maggiori fattori che contribuiscono ai tempi di inattività del sito web è un hosting scadente. Assicurati di utilizzare un provider di hosting rispettabile che abbia una buona esperienza nel fornire un servizio affidabile.
  • Mantieni aggiornato il CMS che stai utilizzando (ad es. plugin, temi e file principali di WordPress). Consiglio di usare WordPress. WordPress è il CMS preferito da molti webmaster. Ha una varietà di plug-in che semplificano l’automazione dei backup e degli aggiornamenti del sito, riducendo i tempi di inattività. In questo articolo un elenco delle manutenzioni WordPress.
  • Pubblica contenuti freschi frequentemente. Il modo migliore per ridurre al minimo l’impatto delle interruzioni del sito Web sulla SEO è pubblicare nuovi contenuti il ​​più frequentemente possibile. Google ha chiarito che apprezzano i siti che aggiungono costantemente nuove informazioni rispetto a quelli che cambiano raramente o mai.
  • Controllare regolarmente i registri del server e i registri degli errori del sito web per i segnali di avvertimento.
  • Verifica frequentemente il tuo sito Web per problemi come collegamenti interrotti, caricamento lento della pagina, ecc.
  • Utilizza una buona soluzione di backup per assicurarti che i dati del tuo sito web siano sempre al sicuro e recuperabili in caso di disastro. Il backup regolare dei dati è fondamentale in caso di interruzione. Ciò ti aiuterà a ridurre al minimo la quantità di dati persi in caso di interruzione e ti aiuterà a riportare il tuo sito online più rapidamente.
  • Utilizza una rete di distribuzione di contenuti. Una rete di distribuzione di contenuti, o CDN, è un sistema di server che memorizza copie dei dati del tuo sito web in posizioni diverse. Se un sito non funziona a causa di un’interruzione, il motore di ricerca può recuperare i tuoi contenuti da un’altra posizione e garantire che gli utenti vedano la versione più aggiornata del tuo sito.
  • Utilizzare uno strumento di monitoraggio dell’uptime. I proprietari di siti web devono assicurarsi che il loro sito web sia disponibile 24/7

Fattori che influenzano l’effetto dei tempi di inattività sul ranking

Ci sono due fattori principali che aiutano a determinare perché alcuni siti si classificano meglio di altri, anche quando si verificano tempi di inattività. Questi sono l’età del sito e l’attualità degli aggiornamenti dei contenuti.

  • Età del sito: più vecchio è un sito web, più affidabile sembra all’algoritmo di ricerca di Google. I siti che esistono da anni tendono ad essere più stabili dei nuovi siti che potrebbero non ricevere un supporto adeguato o sperimentare periodi di inattività quando vengono creati per la prima volta.
  • Freschezza degli aggiornamenti: Google aggiorna costantemente il proprio algoritmo di ricerca per migliorare la determinazione dei siti che forniscono i contenuti più pertinenti in risposta alla query di un utente. L’unico modo per garantire che il tuo sito tragga vantaggio da questi aggiornamenti è mantenerlo aggiornato regolarmente con nuovi contenuti. Anche se il tuo sito è più vecchio e ha un buon track record per la stabilità, non si classificherà come i siti più recenti che vengono regolarmente aggiornati.

Laura Musig SEO UdineLaura Musig

Web Designer e SEO Freelance a Udine o se preferite web designer SEO. Nel 2001 decisi di sezionare un sito web per vedere cosa c’era dentro, da allora creo e gestisco siti web. Lettrice onnivora, con un fisiologico bisogno di scrivere e di ballare.

Come diventare SEO:


Corso SEO

Ho inoltre raccolto le risorse più utili di questo blog per aiutare chi sta cercando di capire come si diventa SEO Specialist:

SEOZoom

Blog SEO e ultime news

In questa sezione propongo periodicamente approfondimenti a tema SEO e web marketing. Segnalo anche gli ultimi lavori di creazione siti web ad Udine e di posizionamento sui motori di ricerca. 

Perchè non leggi anche questi post?

Leggi tutti i post dal mio blog seo